Amante dell' antropologia culturale, grande divoratore di romanzi d'autore. Ian McEwan, Amos Oz e Vladimir Nabokov, tra i suoi preferiti.

Strimpella la chitarra, ammira le opere di Francis Bacon. Sogna la Grecia, l'Africa e i lunghi viaggi.

Insegna lettere e storia con vocazione. Si destreggia con rara abilità artigianale con l'html e alcuni programmi di fotoritocco.

Vive e lavora a Trieste

Senza il suo gatto Mario non saprebbe più vivere.

Torna alla home page

 

 

 

 

 

"Per fortuna all'Uomo rimane l'immaginazione"

Henry Laborit

.